• Home
  • /
  • News
  • /
  • La mostra fotografica WOODFIRE & POTTERY in città a Feltre dal 28 giugno al 01 settembre 2024

La mostra fotografica WOODFIRE & POTTERY in città a Feltre dal 28 giugno al 01 settembre 2024

, , , ,

Woodfire&Pottery
Foto di Bibo Cecchini sulle cotture sperimentali a legna ad Argillà Italia 2016-2018
A cura di Elena Agosti
Feltre – Torre del Castello Salita Nicolò Ramponi, 7
Da venerdì 28 giugno 2024 a domenica 01 settembre 2024
Venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 19:00
Ingresso con Carta TOTEM o ingresso singolo, nelle giornate della Mostra dell’Artigianato Artistico e Tradizionale città di Feltre (28-29-30/06) ingresso ridotto esibendo il biglietto d’ingresso alla manifestazione.
Per info sulle visite e sugli ingressi: 327.2562682 – info.feltre@aqualab.it e museo@comune.feltre.bl.it

Una galleria di foto che narra la predilezione di alcuni ceramisti per le cotture sperimentali a legna. La mostra verrà allestita negli spazi della torre del Castello di Feltre in occasione della 38ª edizione della Mostra dell’Artigianato Artistico e Tradizionale città di Feltre, occasione che vedrà il gruppo di Fochisti Ceramicoscopio, capitanato da Antonio Bonaldi, fare delle cotture rapide a legna proprio negli spazi antistanti al castello.
Questa passione per le cotture sperimentali a legna è una ricerca stilistica ed estetica nata tra Nove e Bassano nel 2003, grazie ad un’esperienza di forno-scultura (sculpture kiln) con l’americano Fredrick Olsen durante la 6° edizione della Festa Ceramica di Nove Portoni Aperti. L’artista realizzò “Falling towers”, un imponente doppia scultura, alta oltre 4 metri e mezzo, ora visibile nel cortile del Liceo Artistico De Fabris di Nove. Venne usata una tecnica particolare di cottura, perfezionata negli anni da Olsen e dalla danese Nina Hole, in cui l’opera d’arte da cuocere è un vero e proprio forno autoportante. L’evento performativo folgorò e contaminò i partecipanti ed il ripetersi di queste cotture ha permesso lo sviluppo a livello nazionale una rete di esperti fuochisti che si ritrovano, non appena possibile, attorno al fuoco, per cuocere assieme le proprie opere. Ognuno con la propria tecnica ed il proprio stile, il trait d’union è il fascino primordiale del fuoco che trasforma la materia, da fragile ad incandescente, fino a renderla “terracotta” durevole nel tempo.

L’artista artigiano è un factotum che segue tutto il processo creativo: dalla modellazione dei singoli pezzi alla realizzazione del forno. La lentezza della cottura rispetta i tempi della natura e della terra, che a poco a poco arriva al raggiungimento della temperatura esatta. Una sapienza tecnica di saper alimentare e domare il fuoco, una conoscenza antica che altrimenti sarebbe andata perduta essendo oggi i forni per ceramica, elettrici od alimentati a gas, totalmente automatizzati.

Ed è questa “slow cooking” che accresce la magia e consolida le amicizie, il fuoco ipnotizza con una calda e crepitante attesa. Antonio Bonaldi è il “nostro capo-fochista”, collaudatore con il supporto di Fabio Poli di diversi forni a legna, ed artefice ad Argillà Italia 2018 di “Micado, insegui i tuoi sogni”. La rivoluzione di Bonaldi è stata quella di concepire la cottura stessa come opera d’arte, e non più un procedimento come funzionale alla realizzazione del manufatto. Grazie al suo lavoro si è creato il gruppo Ceramicoscopio, che ha concepito un nuovo forno che permette la visione interna dei pezzi durante la cottura grazie al posizionamento di alcuni forati esagonali nelle pareti del forno che permetto sia l’isolamento termico che la visione interna. Ed è grazie a questa continua ricerca e sperimentazione tecnico-estetica che si rinnova il linguaggio ceramico, portatore di un messaggio ancestrale universale, ma anche voce nel dibattito dell’arte contemporanea.
La mostra è promossa da CNA Veneto Ovest con il patrocinio di AiCC – Associazione Italiana Città della Ceramica e il Museo Civico della Ceramica di Nove, è stata realizzata con il contributo di EBAV, questa edizione è realizzata in collaborazione con l’organizzazione della Mostra dell’Artigianato Artistico e Tradizionale e dei Musei Civici di Feltre.
La mostra è stata esposta al Castello di Thiene in occasione del Makeinitalyfestival, a Vicenza negli spazi della Loggia del Capitanio nell’ambito di VIOFF 2019, in Piazza Duomo a Matera nell’ambito delle manifestazioni per Matera Capitale Europea della Cultura 2019 e a Palazzo Baccin a Nove in occasione della Festa della ceramica – Portoni Aperti.
A questo link il pdf gratuito del catalogo, la versione cartacea sarà acquistabile presso il bookshop della torre.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Articoli blog correlati

Torna in cima alla pagina